domenica 6 maggio 2012

Cogito ergo erro

La fine della scuola si avvicina, tempo di interrogazioni, verifiche e compiti in classe, così può capitare di assistere il pargolo mentre ripassa filosofia, in particolare il pensiero di Cartesio.
Non avendo mai fatto le "scuole alte", per me Cartesio era confinato all'interno dei suoi assi e del "cogito ergo sum", affermazione piuttosto oscura ma non del tutto campata per aria, ho scoperto solo adesso che aveva anche proposto una dimostrazione logica dell'esistenza di dio (le persone raffinate la definirebbero una "prova ontologica").
Dirò la verità: è stata un'esperienza consolante. E' la dimostrazione definitiva che anche le menti migliori, più lucide e razionali, posso prendere delle cantonate memorabili.
Grazie Cartesio: d'ora in poi, quando mi renderò conto di aver fatto un errore, potrò pensare che ciò non mi impedisce di essere un pensatore eccezionale.

1 commento: