domenica 3 gennaio 2010

Fame

Patire la fame non è cosa di questi luoghi e di questi tempi. Siamo nati in un posto e in un momento dei più fortunati, quanto a quello, e i cenoni di natale e dell'ultimo dell'anno possono anzi aver generato fenomeni di rifiuto per ulteriori ingestioni di alimenti.
In uno dei fugaci momenti di requie di questa tradizionale ossessione ingurgitatoria mi è capitato di pensare a quanto in realtà sia piacevole avere fame, se si ha la certezza di poterla placare, di quanto sia più soddisfacente inghiottire se si è dato modo e tempo allo stomaco di svuotarsi.
E questo mi sembra un chiaro indizio del fatto che io stia diventando ormai vecchio.

4 commenti:

  1. .. non vedo la correlazione sinceramente... casomai, un saggio precoce... Marion

    RispondiElimina
  2. è che chi è giovane ha sempre fame...

    RispondiElimina
  3. dai.. tira fuori una ricettina scaccia pensieri.. ho un chilo di lenticchie avanzate.. ma perchè cavolo le ho fatte...

    RispondiElimina
  4. perchè speravi portassero soldi...

    RispondiElimina